In segno di ripresa, Emirates ha annunciato oggi che riprenderà il servizio tra Milano Malpensa (MXP) e l'aeroporto internazionale John F. Kennedy (JFK) di New York. La compagnia di bandiera degli Emirati Arabi Uniti riprenderà il suo volo Fifth Freedom dal 1 giugno, operando con un Boeing 777-300ER.

Riaffermando l'impegno transatlantico

Il volo sarà un'estensione del servizio Emirates Dubai a Milano, EK205. Partirà dall'aeroporto internazionale di Dubai (DXB) alle 09:45 e arriverà a MXP alle 14:20 ora locale. L'aereo rimarrà a terra per meno di due ore prima di ripartire alle 16:10. L'arrivo al JFK è previsto per le 19:00, nella stessa data.

Il servizio di ritorno, EK206, partirà da JFK alle 22:00, con arrivo a Milano alle 12:15 del giorno successivo. Proprio come sulla rotta per New York, rimarrà a terra per un'ora e 50 minuti prima di ripartire per Dubai alle 14:05. Il rientro in DXB è previsto alle 22:10.

“Emirates ha recentemente riaffermato il suo impegno negli Stati Uniti con la ripresa dei servizi verso 11 gateway (inclusi Orlando e Newark a giugno). Il servizio ripreso tra Dubai-Milano-JFK offrirà più scelta ai viaggiatori diretti da Europa, Medio Oriente, Asia occidentale e Africa via Dubai o Milano, oltre a fornire un accesso con soluzione di continuità ad altre città degli Stati Uniti oltre New York tramite l'accordo di code-share della compagnia aerea con JetBlue ", ha riportato la compagnia aerea in una nota.

Voli per New York operati da 777

I voli saranno operati dal Boeing 777-300ER del vettore. Gli aerei sono dotati di otto sedili di prima classe, 42 sedili business reclinabili e 304 in economy.

Inoltre, Emirates ha riportato che aumenterà i suoi servizi da e per JFK a tre volte al giorno per supportare il collegamento che è stato recentemente ripristinato. La compagnia aerea attualmente ha due voli giornalieri non-stop tra DXB e JFK, operati anche da Boeing 777.

Prima della crisi, Emirates operava DXB-MXP-JFK con i suoi Airbus A380. Secondo il presidente della compagnia aerea, Sir Tim Clark, i voli erano sempre al completo. In effetti, stava andando così bene che il vettore ha cercato di espanderli ma non è riuscito a garantire più slot al JFK.

Fifth freedom di Emirates

I voli della Fifth freedom consentono alle compagnie aeree di operare servizi di reddito di passeggeri tra due paesi diversi dal proprio. Emirates non è estranea all'ottenimento del permesso di utilizzarli per espandere la propria rete e servire più passeggeri.

Alcuni degli esempi più degni di nota (pre e, si spera, post-pandemia) della compagnia aerea includono Barcellona a Città del Messico, Melbourne a Singapore, Sydney a Christchurch, Bangkok a Hong Kong, Atene a Newark e Rio de Janeiro a Santiago e Buenos Aires.